Fondazione Atlante scende in campo con la sesta edizione di FA Soccer League 2017

Al via a Milano il torneo di calcetto che, coinvolgendo i big del turismo, si propone di raccogliere fondi per i terremotati del centro Italia.

Milano 24 marzoFondazione Atlante – associazione istituita sui valori condivisi di Amadeus e Gruppo Uvet, al fine di utilizzare la conoscenza, la pratica e le occasioni legate al turismo a scopo  di solidarietà sociale – scende in campo organizzando a Milano un torneo serale di calcio a 5.

Le squadre che, a partire dal 29 marzo parteciperanno al torneo, sono in tutto 14 e vedono il coinvolgimento di alcuni dei più importanti nomi del turismo italiano e internazionale: AirFrance, Alitalia, AMADEUS, Edreams, Emirates, Etihad, EuropAssistance, HRS, NTV, Qatar Airways, Sabre, Seri Jakala, Starhotel, Uvet GBT.

Durante l’evento di presentazione del Torneo, testimonial dell’iniziativa è stato Serginho, centrocampista della Nazionale Brasiliana, per due volte campione d’Europa con il Milan nel 2003 e nel 2007, oltre aver vinto una Coppa del Mondo per Club, uno scudetto, una Coppa Italia,  due Supercoppe Europee, ed una Supercoppa Italiana sempre con il club rossonero.

Proprio con Fondazione Milan – che ha avviato un rapporto con il Comune e il Sindaco di Amatrice – Fondazione Atlante si è impegnata a sostenere un progetto sportivo sul territorio colpito dal recente terremoto. Obiettivo del progetto sarà la realizzazione di un’opera che possa riportare bambini e giovani a praticare sport in un luogo adatto e funzionale.

“E’ il sesto anno che Fondazione Atlante organizza questo torneo a scopo benefico, solitamente devolvendo il ricavato a progetti di restauro artistico – ha dichiarato Luca Patanè, Presidente Gruppo Uvet e Fondazione Atlante. Quest’anno però ci è sembrato doveroso devolvere il tutto in favore dei terremotati del centro Italia, portando un contributo tangibile a chi in questo momento, nel nostro Paese, ne ha più bisogno”.

La Fondazione ha l’obiettivo di sostenere progetti legati alla promozione del territorio e del turismo grazie a iniziative sociali a livello nazionale e internazionale. Durante le precedenti edizioni del torneo, sono molteplici i progetti supportati grazie ai fondi raccolti dalla Fondazione. Il restauro  delle  “Sale dei Pesci e degli Amori di Giove” del Palazzo Ducale di Mantova, “la Pala del Pigello Portinari “ a  Sant’Eustorgio e in collaborazione con l’Accademia di Brera,  due opere di Francesco Hayez, Autoritratto e Testa di Tigre. La Fondazione ha annunciato proprio questo mese il progetto di restauro della Donnina di Milano (Piccolo Angelo), opera realizzata da Marino Marini tra il 1932 e il 1933. Il progetto, finanziato interamente dalla Fondazione, coinvolge il Museo del Novecento, proprietario della scultura e il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia.